1

Allenarsi con l’ortografia

Quello che vedete nelle immagini qui sotto è un materiale costruito per far allenare i bambini con le difficoltà ortografiche.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Come utilizzarlo:

– I bambini leggono i cartellini e li associano alle immagini. Possono poi copiare su un foglio le parole o riprodurle con l’alfabeto mobile, sempre evidenziando la difficoltà su cui stanno lavorando.

– I bambini, osservando le immagini sulle tessere, pronunciano le parole e le scrivono o le ricompongono, controllando poi il proprio operato attraverso l’abbinamento con i cartellini.

– I bambini eseguono le precedenti attività con tessere miste appartenenti a differenti gruppi di difficoltà.

– Si propone la lettura di brevi racconti incentrati su ciascuna difficoltà.

– Si chiede ai bambini di produrre elenchi di parole relativi a ciascuna difficoltà ortografica.

Di seguito, i file pronti per la stampa:

Cartelloni delle difficoltà ortografiche

Tessere per l’alfabeto mobile

suono dolce e duro di C; suono dolce e duro di G; suono QU; suono GN; suono GLI; suono SC

Annunci
0

Giocare con lo stampato minuscolo

 

Strumenti per l’apprendimento dello stampato minuscolo:

IL PALAZZO DELLE LETTERE

Oltre a servire come promemoria individuale, può essere usato dai bambini per giocare in coppia; ad esempio, indicando una lettera e chiedendo al compagno di pensare a delle parole che iniziano con essa.

                                         il palazzo delle lettere

LA TOMBOLA DELL’ALFABETO

                         la tombola dell'alfabeto

Cliccate qui per il file contenente nove cartelle, il tabellone e i gettoni.

Per altre idee creative visitate:

25 more educational activities for kids (io mi sono innamorata delle attività con i palloncini e le tessere dello scarabeo!)

Feed the alphabet monster

Easy letter reversal solution (per aiutare i bambini a distinguere alcuni grafemi, come “b” e “d”)

0

Costruiamo… il bruco-scrittore!

Per alcuni bambini che si approcciano alla letto-scrittura, usare lo strumento matita può essere faticoso e impegnativo. Per quanto non si debba rinunciare allo sviluppo della manualità, credo che alternare attività di scrittura vera e propria a momenti più giocosi sia una buona soluzione. Così è nato il bruco-scrittore

Per l'apprendimento giocoso della letto-scrittura

Per l’apprendimento giocoso della letto-

Occorrente:

pannolenci verde e piccoli ritagli di vari colori

ago e filo

imbottitura

colore per tessuti

Il bruco può essere usato per scrivere o leggere parole, ma si presta anche a numerosi giochi:

– si compone una parola tralasciando una lettera/sillaba e si chiede al bambino di completarla;

– si propone una lettera/sillaba iniziale da cui il bambino deve ricavare un’intera parola, a sua scelta o nella modalità indovinello (arricchimento lessicale);

– si allenano le difficoltà ortografiche, puntando l’attenzione su particolari suoni, ad esempio ci-ce o chi-che (aggiungere o togliere fisicamente la lettera “h” aiuta il bambino a comprendere meglio la regola ortografica)…

Io ho voluto inventare per i miei bambini una storia che facesse da filo conduttore. Così, raccontando le passioni e le avventure del nostro amico bruco, ho di volta in volta puntato l’attenzione su alcune parole-chiave.

Vi piace l’idea? In quali altri modi voi lo usereste?