0

I contrasti geografici

Occorrente: pongo marrone, acqua e colorante alimentare blu, sei vaschette di plastica o di alluminio, un coltello e un cucchiaio, cartellini con le nomenclature.

In piccolo gruppo si introduce l’argomento con un globo, facendo notare come il nostro pianeta sia formato da “terra” e da “acqua”. Nelle vaschette si riproducono questi due elementi utilizzando il pongo e l’acqua colorata.

terra e acqua

Si procede poi alla creazione dei contrasti, incidendo la terra con un coltello e trasferendo la forma creata nella vaschetta contenente acqua. Allo stesso modo, con un cucchiaio, si preleva un po’ di acqua e la si trasferisce nel vuoto lasciato tra la terra.

Se si ha a disposizione molto materiale, durante la presentazione i bambini possono ricreare le forme insieme all’insegnante. Nel mio caso, ho preferito farli lavorare successivamente con i cartoncini…

contrasti con i cartoncini

Ed ecco infine come abbiamo verbalizzato il lavoro sul quaderno, associando ad ogni contrasto una definizione e una fotografia:

lavoro sul quaderno

 

Annunci
0

Zoom sugli ambienti

Classe terza: studio degli ambienti. Amo questo argomento… Ci sono così tante attività che si possono proporre per renderlo curioso e affascinante!

Con la cartapesta abbiamo riprodotto le forme del terreno per realizzare un plastico che abbiamo arricchito con elementi naturali e antropici caratteristici di ogni ambiente.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Una delle mie attività preferite nell’intero anno scolastico! Ha richiesto molto tempo, ma ne è valsa la pena. 😉

Ecco i libretti di approfondimento sulla fauna che ho preparato per i bambini più curiosi:

animali della montagna

animali in collina

animali d’acqua dolce

animali di mari e oceani

E a questo link un interessante esperimento che è stato molto apprezzato dai miei bambini: come si sono formate le montagne?

0

Alla scoperta del mondo!

Il passaggio dal globo al planisfero può essere spiegato ai bambini tramite questo semplice materiale in uso nelle scuole montessoriane.

globo divisibile

Si tratta di una palla di gommapiuma tagliata a metà, sulla quale sono stati incollati i vari continenti, ritagliati da pezzi di stoffa di diverso colore.

Si mostra dapprima il globo unito, denominando i continenti, poi si mima il momento del taglio e si apre la sfera. Il globo viene posato su un foglio bianco e se ne tracciano i contorni; basterà poi premere leggermente la gommapiuma per dare al bambino l’idea del lavoro che i cartografi hanno dovuto compiere per “appiattire” la Terra rappresentandola su carta. Si utilizzerà infine un secondo foglio, raffigurante l’intero planisfero, per far notare ai bambini che cosa è cambiato nel passaggio dal globo al piano: come sono posizionati i continenti? Che cosa è successo all’Antartide? 

0

Così non mi perdo!

L’orientamento: un modellino 3d per spiegarlo…

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ecco cosa occorre per realizzarlo:

  • due dischi di cartoncino bianco (di differenti misure)
  • pastelli colorati
  • forbici o punteruoli
  • un fermacampione
  • un tappo di sughero
  • fili di lana colorata
  • colla stick e colla a caldo